Parrocchia San Giuseppe - Passo di Rigano - Palermo

Storia della Parrocchia

Storia della Chiesa…

 

La Parrocchia San Giuseppe di Passo di Rigano ha origine quando, proprietario del vasto territorio attuale era il Principe Pignatelli.
La comunità di Passo di Rigano nei primi anni del ‘900 disponeva come luogo comune di preghiera, di una piccola chiesetta che sorgeva di fronte all’attuale chiesa. Questa non era una parrocchia ma potremmo definirla, in termini moderni, una “succursale” della Parrocchia di Santo Stefano situata nel quartiere della Zisa.
Questa chiesetta, era amministrata dai Frati Francescani di Baida i quali, erano aiutati dalla collaborazione di cinque suore anch’esse francescane ed originarie di Passo di Rigano. All’interno di questa comunità, si era formata la confraternita di San Giuseppe la quale riuscì a farsi donare dal Principe Pignatelli la parte del territorio, dove ancora oggi sorge la nostra chiesa, per dare inizio ai lavori. In seguito la donazione del territorio, la confraternita, a favore della costruzione, ogni settimana effettuava,all’ interno della borgata, delle raccolte fondi che avrebbero permesso l’ inizio della costruzione della chiesa. I lavori iniziarono ma, cessarono dopo poco tempo, causa la mancanza di denaro.
La chiesa, lasciata per molto tempo incompiuta, venne poi sommariamente definita dal Cardinale Lavitrano; nonostante questi lavori, la chiesa rimane ancora sia all’ interno che all’ esterno con i mattoni grezzi allo stato naturale.
Anche se ancora,potremmo dire “primitiva”, all’interno della chiesa venivano ufficiate le Sante Messe dai Frati Francescani di Baida che già prima si occupavano di questa comunità. Occuparono in seguito il posto dei Frati Francescani, i Missionari del Preziosissimo Sangue, appartenenti alla Congregazione del Beato Gaspare del Bufalo (di questi missionari abbiamo ancora oggi all’interno della sagrestia un’ immagine).
Dopo il periodo dei Missionari del Preziosissimo Sangue, la chiesa fu elevata al grado di Parrocchia il 19 marzo del 1935 e proprio in onore della festività di San Giuseppe dal quale questa prende nome.
Come primo parroco, fu eletto Padre Giovanni Longano e insieme con lui vennero eletti come vice parroco Padre Cirillo Basile e un terzo sacerdote Padre Morgante Enrigo. In questo periodo i sacerdoti erano tre ma i parrocchiani arrivavano solamente a 2500.
Nel 1942 Padre Longano fu trasferito a Roma e diviene parroco Padre Cirillo Basile.
Dopo Padre Cirillo, vi fu Padre Garziano che però venne trasferito solamente dopo due anni e mezzo; prese dunque l’investitura di parroco Padre Giovanni Battista Lo Monaco, il 18 ottobre 1952.
Padre Lo Monaco dotò la chiesa dei banchi, poiché c’erano solamente delle sedie e sostituì le vecchie statue con delle altre che sono ancora oggi esistenti. Sempre nel 1952 durante una visita pastorale, il Cardinale Ruffino, notando le condizioni in cui la chiesa si trovava decise che avrebbero dovuto avere inizio i lavori di restauro e fu proprio Egli a scegliere di dipingere il tetto della chiesa con questi “cassettoni” poiché l’ architetto voleva realizzare un cielo stellato; si deve ancora al Cardinale Ruffino la costruzione sia dei locali adiacenti la parrocchia sia la costruzione del centro sociale, sempre adiacente ad essa ( il quale porta il suo nome).
Dopo Padre Lo Monaco, venne istituito parroco il 17 Maggio del 1959 Padre Luigi Macaluso e la sua carica in questa parrocchia durò per ben 26 anni fino alla sua morte il 9 maggio 1985. Padre Macaluso durante il suo operato continuò i lavori di abbellimento e restauro della parrocchia dotandola di rivestimenti di marmo, del cappellone centrale e delle due colonne laterali con il progetto di continuare con le altre. Alla morte di Questi, la chiesa fu gestita provvisoriamente da Padre Gammino che a quei tempi era parroco della chiesa di San Tommaso, fino a quando divenne nostro parroco Padre Ignazio Acquisto, nominato dal Cardinale Pappalardo nel 1985.
Sotto la direzione di Padre Ignazio Acquisto, con la collaborazione del salesiano Don Gorgone, viene costruito il nuovo Altare Maggiore e collocato su di esso un crocefisso che era sempre appartenuto alla nostra parrocchia ma era appeso sopra l’ uscita principale.
Questo crocefisso, proviene da una chiesa bombardata a Palermo nel 1941 e fu portato nella nostra parrocchia su di un carro poiché a quei tempi non vi erano altri mezzi di trasporto. Il crocefisso prima di essere posto, dove si trova ancora oggi, venne restaurato.
A Padre Ignazio Acquisto si deve la costruzione della grotta della Madonna di Lourdes e l’altare,dove nel periodo estivo si celebrano le Messe Vespertine.
In questo momento parroco della chiesa San Giuseppe di Passo di Rigano è Padre Giosuè Lo Bue il quale, è stato investito di questa carica all’interno della nostra comunità il 19 ottobre 2008.

counter

Galleria
Orario Sante Messe Iniziative
Gruppi Parrocchiali A.C.R.
Catechismo Facebook
Confraternite Contatti
Link News
Home Arcidiocesi di Palermo